Gli Scorpions pungono ancora

La band di Hannover ha portato al PalaLottomatica tutta la sua dirompente carica di energia che, a dispetto dei cinquant’anni di musica alle spalle, non accenna a spegnersi. Klaus Meine, Rudolf Schenker e soci, pare abbiano trovato l’elisir dell’eterna giovinezza

Si poteva sentire l’energia nell’aria: eravamo certi che avremmo assistito a qualcosa di realmente emozionante. A partire proprio da quel telone che celava il palco, raffigurante la cover del loro ultimo album “Return To Forever“.
Poi giù il sipario a scoprire il palco con enormi videowall ed ecco gli Scorpions. Avvolti dal fumo, che ben presto si dirada, questi veterani dell’hard rock calcare sul palcoscenico con una grinta e una energia davvero impressionanti.

Scorpions - Roma - PalaLottomatica 2015

Non dimentichiamo che si stava celebrandro il 50esimo anniversario di una delle band hard’n’heavy più famose della storia, nella quale stupisce la freschezza e il dinamismo del fondatore Rudolf Schenker, che sembra quasi un trentenne, la voce ancora ad alto livello di Klaus Meine, la presenza scenica dell’altro chitarrista Matthias Jabs e il grande supporto dei più giovani James Kottak e Paweł Mąciwoda.
Tanti giovanissimi nelle prime file e per accontentarli ecco una sfilza di canzoni a tutto gas “Going Out with a Bang“, “Make It Real“, “The Zoo” e “Coast to Coast“.

Poi una parentesi acustica che prelude a quella “Wind of Change“, inno simbolico della riunificazione tedesca, che proprio il 9 novembre, ricorda il giorno storico del crollo del muro di Berlino.
Quindi la cavalcata rock riprende e l’energia non cala con “Rock ‘n’ Roll Band“, “Dynamite” fino a “Blackout” e “Big City Nights“.

Scorpions - Roma - PalaLottomatica 2015

Fine? Ma niente affatto! Manca qualcosa di fondamentale per festeggiare questi 50 anni di carriera, ed ecco “Still Loving You“.

Si accendono luci come candeline della torta, ed arriva “Rock You Like a Hurricane“, per incorniciare una serata davvero indimenticabile. Il pubblico applaude e spegne idealmente le cinquanta candeline assieme agli Scorpions.

Lo scorpione punge ancora proprio e come recitava la fiaba ci dice “è la mia natura“.

Setlist del concerto:
Going Out with a Bang / Make It Real / The Zoo / Coast to Coast / Top of the Bill – Steamrock Fever – Speedy’s Coming – Catch Your Train (Medley) / We Built This House / Delicate Dance / Always Somewhere – Eye of the Storm – Send Me an Angel (Medley) / Wind of Change / Rock ‘n’ Roll Band / Dynamite / In the Line of Fire / Kottak Attack (Drum solo) / Crazy World / Blackout / Big City Nights
Encore: Still Loving You / Rock You Like a Hurricane

Galleria fotografica a cura di Fabrizio Di Bitonto

Sull'autore

Fabrizio Di Bitonto

Fotografo e Collaboratore di Zeta Emme - Zona Musica e Roma Suona Bene

Scrivi un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi