J-Ax riparte da “Il Bello d’Esser Brutti”

Eternamente giovane, o almeno così pare, J-Ax non ha mai perso l’entusiasmo per il suo lavoro. Gli anni passano ma non pesano per quelli come lui, fresco come una rosa in questo ultimo lavoro che segna un punto di svolta della sua carriera e soprattutto un nuovo rapporto con un’etichetta discografica tutta sua (…e di Fedez)

Sembra ieri, eppure non lo è: venti anni di carriera scivolati via velocemente e che ci mostrano un  J-Ax fresco come una rosa, che è ancora dotato di grande energia, fantasia e di grinta come se fosse ancora agli esordi. C’è voglia di esprimere forte rabbia nel suo nuovo album “Il Bello d’Esser Brutti”, che si presenta divertente e variegato  con chiari riferimenti all’attualità come sempre ma non sfocia nel demenziale come altri suoi precedenti lavori. Il disco resta profondamente asciutto nell’esposizione, più vicino al rock che al rap, genere che J-Ax ama.

Se potessimo dare un aggettivo adatto a questo disco l’aggettivo è “leggero”. Ricco di stili musicali differenti e di collaborazioni, questo “Il Bello d’Esser Brutti” vanta collaborazioni con Nina Zilli, Club Dogo, Fedez, Valerio Jovine (99 Posse), Emiliano Valverde, Neffa, Il Cile e il fratello Weedo (che molti ricorderanno nei Gemelli Diversi)

Il Bello d’Esser Brutti” è un disco molto importante per la carriera di J-Ax, il più coraggioso e anche il primo autoprodotto per l’etichetta Newtopia che J-Ax ha fondato insieme all’amico Fedez. Qui ci troviamo un J-Ax nella sua dimensione più intima, un album importante anche per numero pezzi proposti: venti tracce, dalla prima “Intro”, che non rispecchia i soliti canoni in quanto a durata, ma che ci viene proposta come una canzone vera, nella quale l’artista parla della fine del rapporto con il suo storico produttore Franco Godi e della nuova vita artistica  fino a “L’uomo col cappello”.

Segue “Intro” il brano “Ribelle e basta!”, che nasce per rendere omaggio all’indimenticabile Freak Antoni, ma che può essere inteso come un nuovo biglietto da visita di J-Ax sia per quanto concerne il disco che di se stesso: un brano fortemente d’impronta rock con venature punk ed elettro-punk. Altro pezzo degno di nota è “Sopra la Media” a cavallo tra power pop, pop punk e ska punk.

Nella traccia “Uno di Quei Giorni” l’artista si misura in un duetto con Nina Zilli: una calda e sensuale voce intrisa di esperienze che spaziano dal jazz  al reggae.

Altri brani degni di nota: “Caramelle” (con Neffa), “Santoro e Peyote”,” Rock City” (nel quale torna a mescolare rock, rap e reggae),” Maria Salvador” ( reggae con influenze latinoamericane che si avvale della collaborazione de Il Cile) “Un altro viaggio” canzone pop malinconica, sullo stile de “La Vita Non è Un Film” nella quale si ripropone ancora lo stesso tema della nostalgia e dei ricordi.

TRACKLIST COMPLETA DELL’ALBUM:

Intro
Ribelle e basta
La tangenziale
Sopra la media
Uno di quei giorni (con Nina Zilli)
Sono di moda
Caramelle (con Neffa)
Hai rotto il catso
Miss & Mr. Hide
Santoro e Peyote
Rock city
Tutto o niente (con Emiliano Valverde)
Il bello d’esser brutti
Old skull (con i Club Dogo)
Maria Salvador (con Il Cile)
Bimbiminkia4life (con Fedez)
Nati così
Un altro viaggio (con Valerio Jovine)
The pub song (con Weedo)
L’uomo col cappello

Vi segnaliamo inoltre alcuni appuntamenti con J-Ax che sarà nei music store e nelle librerie delle più importanti città italiane per la presentazione ufficiale ai suoi fan del disco. Per incontrarlo, fargli domande e farsi autografare l’album gli appuntamenti sono:

Torino presso LA FELTRINELLI di Stazione di Porta Nuova (2 febbraio h 17);
Milano presso Centro Commerciale Brianza di Paderno Dugnano (3 febbraio ore 15);
Bari presso la Feltrinelli di Via Melo, 119 (6 febbraio ore 17);
Napoli presso libreria Feltrinelli alla Stazione Centrale Piazza Garibaldi (8 febbraio h 17:30);
Firenze presso la Galleria del Disco al Sottopassaggio Stazione Santa Maria Novella (9 febbraio h 16);
Roma presso il Centro Commerciale Porta di Roma (13 febbraio ore 17);
Pescara presso Libreria Feltrinelli di via Milano, angolo Via Trento 5 (14 febbraio ore 15).

Sull'autore

Daniele Crescenzi

Ideatore e creatore del progetto Roma Suona Bene.
Appassionato di Musica e Fotografia. Scrive su Roma Suona Bene e Zeta Emme - Zona Musica

Scrivi un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi