Le Mura: adesso siete pronti

Dopo due EP, tanti live e un braccio ingessato (ma questa è storia passata alle cronache), ecco che il suono della band si compatta, diviene diretto ed efficace ed arriva all’inevitabile traguardo: “Sat Nam“, disco d’esordio della band romana Le Mura prodotto da Maciste Dischi

Chimicamente qualcosa va da sé – La musica è chimica in fondo o, meglio ancora, alchimia e dalla prima traccia “Tutto mi sta portando a te” si ha la chiarissima sensazione che in questo disco si sia trovata la formula giusta: quella che mescola l’ironico-metaforico-surreale linguaggio d’autore di Andrea Imperi con un distintivo e distinguibile garage rock vestito di una foggia adornata dagli efficaci riff della chitarra di Gabriele Proietti (che in alcune tracce addirittura emula un synth) e da un reparto ritmico incisivo e potente.

I fiori del male sbocciano sempre – In “Tilt” il ritmo serratissimo accompagna i pensieri di una mente che, in preda a crisi di nervi (“dimmi che cazzo di gioco è tirare sassi ad un alveare”), sta velocemente scivolando nella violenza.
Versi in stato di ebbrezza da abuso di innamoramento sono quelli che declamano “La donna giusta”, brano più pop del disco, che vede la preziosa collaborazione di Roberto Dell’Era (Afterhours, The Winstons).

Si va si va ma non si va – Ok però si balla con la funkeggiante “Tapis roulant” anabolizzata da neologismi vari come “boogiemix” e “boostramix”.

Racconti del quotidiano: scazzi tra amici in “Tu non capisci niente Jack” e la narrazione della sconfitta giornaliera dell’uomo sottoposto agli obblighi imposti dalla civiltà moderna ne “Las Veglia“.
Esercizi yoga in stile Imperi che urla “Sat Nam” per aiutarci a bilanciare il “kharma” intossicato dalla imperante necessità di una buona reputazione sociale (anzi social) in “Che cazzo mi frega”, brano diretto e senza mezzi termini, una hit insomma.

Io bestemmierò” chiude il disco ed è una vera perla, una ballata dall’atmosfera intensa e malinconica, impreziosita dalle note del sax e dal pianoforte di Lino Gitto (The Winstons) che suonano come la speranza intravista, come una luce, in fondo al tunnel.

La formula chimica de Le Mura funziona ed è stata omologata con “Sat Nam“, sta a noi utilizzarla bene premiando chi in casa nostra ancora ha ancora voglia di fare del buon rock senza ricorrere a formule predefinite e vendute … “in confezione spray”.

La line-up de Le Mura (qui la loro Fan Page su Facebook) è composta da:
Andrea Imperi – Voce
Gabriele Proietti – Chitarra
Gabriele Correddu – Basso
Bruno Mirabella – Batteria

L’album “Sat Nam” de Le Mura è disponibile in digital download su Amazon (qui) e iTunes (qui).

Sull'autore

Fabrizio Di Bitonto

Fotografo e Collaboratore di Zeta Emme - Zona Musica e Roma Suona Bene

Scrivi un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi