Verdena e Viterbini all’Orion: il rock italiano di qualità

Blues e indie, insieme per un cocktail perfettamente riuscito con tutti gli ingredenti posti nel modo giusto. Adriano Viterbini, ovvero il 50% delle azioni della ditta Bud Spencer Blues Explosion, cioè una  delle band di alternative rock-punk blues più interessanti degli ultimi anni e i Verdena, ovvero la certezza fatta persona dell’indie rock italiano

L’Orion, da sempre casa della grande musica, ha voluto questa importante serata in una serata di musica italiana, coinvolgendo i Verdena, che ultimamente stanno diradando di molto le loro uscite pubbliche. Era inevitabile la grande attesa per i fan della band bergamasca.

Due eventi in uno, con un grande artista come Adriano Viterbini, chitarrista e collaboratore tra l’altro di artisti del calibro di Raf, Marina Rei, Otto Ohm e The Niro.

Alle nove e trequarti sale sul palco proprio Adriano, accompagnato alla batteria da Fabio Rondanini e dal polistrumentista Josè Ramon Caraballo Armas (stesso trio che la scorsa estate a Villa Ada,ha aperto il concerto di St. Vincent) e le danze si aprono per una serata di rock italiano di altissimo livello.

Adriano Viterbini - Orion Ciampino 2015

Il rock di Viterbini è potente, energico e pulito, dalla grande sensibilità dinamica e sonora dell’esecuzione e dal vago sapore rockabilly di fine anni cinquanta, primi anni sessanta. Un uragano di note e musica, come utile antipasto per quello che si sarebbe verificato poco dopo, ovvero l’ingresso dei Verdena, intorno alle undici meno un quarto.

Una scaletta che ha ripercorso interamente la loro carriera, concentrandosi ovviamente in misura maggiore sull’ultimo album in doppio volume, “Endkadenz vol. 1” e “Endkadenz vol. 2“, usciti proprio quest’anno. Dall’ultimo lavoro sono stati proposti infatti “Cannibale“, “Fuoco amico I” e “Fuoco amico II (Pela i miei tratti)“, “Identikit“, “Lady Hollywood“, “Nera visione“, “Puzzle“, “Un po’ esageri” (quest’ultima riproposta nel bis), quindi un po’ la parte più corposa dell’intero concerto che ha comunque cercato di non deludere nessuno dei fan, vecchi e nuovi.

La setlist del concerto

Cannibale / Fuoco amico I / Fuoco amico II (Pela i miei tratti) / Nuova Luce / Canos / Dymo / Vivere di conseguenza / Nova / Colle immane / Muori delay / Letto di mosche / Identikit / Lady Hollywood / Nera visione / Puzzle / Badea blues / Un blu sincero / Caleido
BIS: Mina / Ultranoia / Un po’ esageri / Waltz del Bounty 

Galleria Fotografica a cura di Francesca Di Paola

Scrivi un commento

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi