Porretta Soul Festival 2018, in corsa per il secondo trentennio

Archiviata la faraonica edizione numero trenta, quella del 2017, il Porretta Soul Festival ha annunciato la lista dei partecipanti che si esibiranno dal 19 al 22 luglio al Rufus Thomas Park di Alto Reno Terme (già, per quanto si continuerà in eterno a chiamarlo così, per effetto della legge regionale 19 del 23 novembre 2015 il comune di Porretta Terme non esiste più: è stato soppresso il 31 dicembre dello stesso anno)

Il tema principale (ma non l’unico) della manifestazione nata nel 1988 dalla lucida incoscienza di patron Graziano Uliani, testardo fan di rhythm and blues della primissima ora, è l’omaggio alla Goldwax, la mitica etichetta discografica memphisiana che negli anni d’oro contese alla Stax il primato del genere. Lanciata dal produttore Quinton Claunch e finanziata dal farmacista Rudolph “Doc” Russell, realizzò in non più di una sessantina di 45 giri (i dischi piccoli col buco grosso), tra il 1964 e il 1969, incisioni di rara, grezza maestosità. Il catalogo è ora dominio dell’inglese Ace Records, che negli anni lo ha rimesso in circolazione con una serie di amorevoli ristampe su etichetta Kent. I portabandiera erano personaggi di culto: O.V. Wright, Percy Milem, Barbara Perry, gli Ovations, i Lyrics, James Carr, Spencer Wiggins e Wee Willie Walker. Gli ultimi due saranno al festival a testimoniare la loro duratura vitalità nel business, e arriverà pure Percy Wiggins, fratello di Spencer, che incise invece per la Atlantic e la RCA in uno stile elegante, in parte ispirato a Sam Cooke.

Per i tre è un ritorno, segno che Porretta Terme è porto sicuro per gli artisti e che l’affetto e l’accoglienza del pubblico per gli alunni della vecchia scuola sono sempre sinceri. Anche la house band, l’impeccabile orchestra di blues-con-ritmo in prestito dal nord della California, guidata dal chitarrista Anthony Paule, conferma il suo domicilio sull’Appennino (per la quinta edizione di seguito). Al suo immediato servizio l’esplosivo tenor-sassofonista Sax Gordon e – new entry di massimo interesse – il cantante e arrangiatore Larry Batiste, storico direttore musicale dei Grammy Awards.

È vero che i pronostici nella Soul City emiliana non sempre vengono rispettati, e per fortuna: sovente la scaletta viene addirittura migliorata, con l’aggiunta all’ultimo momento di qualche artista di calibro che si è iscritto in ritardo.
È pur vero che chi decide di recarsi a Porretta lo fa “a prescindere”, ben sapendo che la qualità della musica e l’unicità dell’ambiente non sono mai in discussione. Per ora si sa che la Anthony Paule Soul Orchestra accompagnerà, oltre che Walker e i fratelli Wiggins, anche Booker Brown, Missy Andersen, John Ellison (il sudato leader dei Soul Brothers Six che nel 2016 terminò il suo set in trance, sdraiato seminudo sul palco), la Terrie Odabi del polemico “Gentrification Blues”, l’immenso Swamp Dogg, che ha acconsentito a (o insistito per) riapparire a Porretta per la terza volta, Ernie Johnson, tra i più veraci indagatori della linea di confine tra il soul di Otis Redding e il blues di Bobby Bland, e la impareggiabile Lacee, un mammifero extra large che impersona alla perfezione la “bad girl” del Southern Soul.

E poi ci sono gli eventi in proprio, la cui orchestrazione autosufficiente consente a quelli di Anthony di tirare il fiato, vendere i CD e scattare qualche selfie. Come Chris Cain, il B.B. King della Bay Area (parte greco e parte afroamericano per linee familiari, è l’orgoglio di San Jose), che si fa accompagnare dalla Luca Giordano Band. O come Don Bryant & The Bo-Keys: sull’onda del magnifico comeback con l’album “Don’t Give Up On Love” (qui la recensione del disco), il superbo veterano apparirà con la band multigenerazionale di Scott Bomar, diretto collegamento con il Memphis sound di impronta Hi Records. O il pianista Mitch Woods, che all’insegna di un boogie woogie apparentemente disimpegnato ma tutt’altro che futile parteciperà con i suoi Rocket 88’s alla serata di apertura. Giovedì 19, tra l’altro, si tracimerà leggermente dal solco del deep soul “classico”; i puristi sono avvisati: la JBees Band affronterà con piglio prettamente danzereccio R&B, soul, dance/pop, funk, jazz e disco ‘70/’80 in un tributo a “Soul Train”, la mitica trasmissione tv che sancì il dominio della black music.

Letteralmente ubiquo, Woods si accompagnerà sabato 21 all’armonicista Fabrizio Poggi per poi animare, fino a quasi fine mese, l’iniziativa collaterale che coinvolge diversi comuni della zona sotto l’ombrello complessivo di “The Valley of Soul”. Fabrizio, dal canto suo, armonicista di statura mondiale, è reduce della nomination ai Grammy, unico italiano in gara. Per batterlo in finale, nella categoria “Traditional Blues Album”, hanno dovuto scomodarsi nientemeno che i Rolling Stones.

Questo il programma dei principali appuntamenti del Porretta Soul Festival 2018:
Giovedì 19 Luglio
“We’re Dancing Tonight” Mitch Woods & His Rocket 88’s – Jump N’ Boogie / JBees Band, Tribute to Soul Train (R&B, soul, dance/pop, funk, jazz, disco ‘70/’80)
Venerdì 20 Luglio
Chris Cain & Luca Giordano Band / Anthony Paule Soul Orchestra feat. Sax Gordon and Larry Batiste / Booker Brown, Missy Andersen, Wee Willie Walker, Terrie Odabi, John Ellison (from Soul Brothers Six)
Sabato 21 Luglio
Don Bryant feat. The Bo-Keys / Anthony Paule Soul Orchestra feat. Sax Gordon and Larry Batiste / Fabrizio Poggi & Mitch Woods / Spencer Wiggins, Percy Wiggins, Lacee / Swamp Dogg, Ernie Johnson
Domenica 22 Luglio
Mitch Woods with The Anthony Paule Soul Orchestra / Anthony Paule Soul Orchestra feat. Sax Gordon and Larry Batiste / Ernie Johnson, Missy Andersen, John Ellison (from Soul Brothers Six), Booker Brown, Terrie Odabi / Swamp Dogg, Spencer Wiggins, Percy Wiggins, Wee Willie Walker, Lacee

Inoltre presso il Rufus Thomas Café Stage in Piazza della Libertà (concerti gratuiti) fino alle ore 19:00
Giovedì 19 Luglio
New Colour (Bologna) / Blaus (Bologna) / Henry Hooks Orchestra H2O (Pianoro)
Venerdì 20 Luglio
VoCioni Jazz (Pistoia) / Hen Ricover Band (Vergato/Porretta) / Kapaka Trio (La Spezia)
Sabato 21 Luglio
“Piano Blues Styles” with Mitch Woods & Art Tipaldi / Ladies Soul Band (Torino) / Black Beat (Imperia) / Piaggio Soul Combination (Pisa) / Black South (Torino)
Domenica 22 Luglio
TBA / Soul Train (Poggio a Caiano) / TFB Band (Torino)

Info e biglietti su: Porretta Soul Festival

Anche quest’anno saremo presenti a Porretta Terme per raccontarvi giorno per giorno il Festival, ma nel frattempo vi lasciamo sfogliare una bella carrellata di immagini raccolte durante le ultime edizioni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Sull'autore

Edoardo Fassio aka Catfish

Edoardo Fassio è considerato una delle massime autorità nel vasto territorio del blues e del canto popolare neroamericano. Scrive di blues, folk e jazz per il quotidiano La Stampa e per TorinoSette; suoi articoli, recensioni e interviste appaiono sulle riviste italiane Musica Jazz, Il Blues e su un numero imprecisato di pubblicazioni europee. Consulente e programmatore per Rai, Radio Flash e Radio Torino Popolare con il classico pseudonimo di Catfish, è animatore di trasmissioni in via continuativa dal 1984, la più duratura programmazione radio di blues in Europa. Ha condotto programmi anche nella terra del blues, in particolare per le emittenti KDHX (a St. Louis) e WROX (a Clarksdale, nel cuore del Mississippi Delta, dove sono nati John Lee Hooker, Sam Cooke e Ike Turner). Presso gli Editori Laterza ha pubblicato “Blues”, con prefazione di Massimo Carlotto, acclamato come “indispensabile” (World Music Magazine), “scintillante” (Buscadero), “la medicina giusta” (Rumore), “autorevole e insolito” (Amadeus), “impeccabile, prezioso e scorrevole” (JazzIt), “una magistrale sintesi” di “grazia narrativa e di arguzia descrittiva” (Musica Jazz). Ha curato per Feltrinelli la versione italiana di “Come il jazz può cambiarti la vita” di Wynton Marsalis. Di Fassio Isaac Hayes ha detto: “…and remember, the Catfish is always cooking!”

Lascia un commento

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi