Autore: Edoardo Fassio aka Catfish

Edoardo Fassio è un’autorità assoluta nel territorio del blues e del canto popolare afroamericano. Scrive di blues, folk e jazz per il quotidiano “La Stampa” e per “TorinoSette”; suoi articoli, recensioni e interviste sono apparsi sulle riviste italiane “Musica Jazz”, “Il Blues” e su un numero imprecisato di pubblicazioni europee e nordamericane. Con il classico pseudonimo di Catfish è autore, conduttore e animatore di trasmissioni in via continuativa dal 1984, la più duratura programmazione radio di blues in Europa. Presso gli Editori Laterza ha pubblicato “Blues”, acclamato come “indispensabile” (“World Music Magazine”), “autorevole e insolito” (“Amadeus”), “scintillante” (“Buscadero”), “la medicina giusta” (“Rumore”). Per Vololibero sono usciti “Soul City: Porretta Terme, il festival e la musica”, la storia di trent’anni del Porretta Soul Festival, vincitore del premio Keeping The Blues Alive 2017, e "Solomon Burke. Ho visto un re". Il suo ultimo libro, “È tutto finito adesso, Baby Blue”, dato alle stampe nel 2020 da 96, Rue de-La-Fontaine Edizioni, è una Soul Fiction. “Catfish Blues” va regolarmente in onda ogni giovedì, dalle 17, su Radio Banda Larga (RBL).

Sul fare degli ottant’anni (che compirà il 10 luglio), il nuovo “We Get By” segna l’incontro con Ben Harper, che le assicura la produzione e fornisce testi, contesti e musiche di undici canzoni segnate da aneliti di pace, libertà, giustizia, da rimpianti e cuori spezzati Diva dall’incessante fascino crossover, Mavis Staples è tuttora un’icona della battaglia per i diritti civili. Un combattimento da lei intrapreso in forme affatto originali fin da quando, adolescente, la sua severa voce gospel faceva breccia nell’indignazione dell’intellettualità bianca. Il beneducato pubblico dei college stava scoprendo il folk e inni secolari come “Will The Circle Be…

Scopri di più

Catherine Russell, lucida sognatrice in blues, rhythm e jazz, è degna figlia d’arte. Il padre, il pianista e band leader Luis Russell, è stato direttore musicale per Louis Armstrong; la mamma, Carline Ray, era una delle International Sweethearts of Rhythm, la big band tutta al femminile che imperversò ai tempi della seconda guerra mondiale Già corista di David Bowie, Steely Dan e Levon Helm, al cui fianco vinse un Grammy per “Electric Dirt” nel 2009, Catherine Russell è emersa tra le più eccellenti soliste nel suo campo. Sebbene i genitori l’abbiano avuta relativamente tardi – è nata in piena era del rock…

Scopri di più

Elegante e sensuale, autorevole e sfrontata, la vocalist Yamit Lemoine non nasconde la sua affezione al pericoloso fascino del Great American Songbook. La frequentazione dell’arte pop del passato traligna sovente in parodia, ma Yamit ha compreso la necessità di mantenersi coerente allo spirito del materiale a cui si applica. Una dedizione che non si limita alla replica: la flessibilità e l’improvvisazione stanno alla base del jazz Nata in Israele, cresciuta a Toronto, dove ha coltivato la passione per il soul, il blues e il classico canzoniere di Broadway, Yamit Lemoine attualmente dimora a Miami. Ha lavorato come fonico, compositore, produttore,…

Scopri di più

“It Rains Love” è il nuovo album di studio a nome Lee Fields & The Expressions, e si aggiunge a una quantità impressionante di oscuri quarantacinque giri, confermando la posizione dell’istrione originario di Wilson, North Carolina, alla testa del nuovo revival del classico blues-con-ritmo Lee Fields è un self-made man. Il primo di una quantità impressionante di oscuri quarantacinque giri fai-da-te lo ha messo in circolazione mezzo secolo fa. Ogni tanto lo chiamano ancora “Little J.B.”, e non soltanto a causa della somiglianza fisica con James Brown. Nel 1969 era uno dei tanti figliocci putativi del Padrino del soul, dal…

Scopri di più

J.P. Bimeni assieme ai Black Belts ha pubblicato il suo primo album intitolato “Free Me”, sarà presente al Porretta Soul Festival il 19 luglio Ecco una storia che proverà a commuovere il Vecchio continente e a sopire i suoi complessi di colpa. J.P. Bimeni, profugo di un paese affacciato sul teatro di uno dei peggiori genocidi della storia e rinato in Europa come performer nel segno della soul music, è il discendente di una famiglia reale burundese. Durante la guerra civile abbandona l’Africa e la sua terra sulle sponde del lago Tanganica, sopravvivendo a ben tre attentati e ottenendo infine…

Scopri di più

Il musicista californiano Nick Waterhouse ha annunciato l’uscita del suo nuovo album, intitolato semplicemente “Nick Waterhouse”, in uscita l’8 marzo su etichetta Innovative Leisure Il quarto capitolo della saga di Nick Waterhouse reca semplicemente il suo nome. Arriva a due anni e mezzo di distanza da quell’ottimo “Never Twice” (qui) che aveva partorito un disco d’oro in Italia, “Katchi” (il video è visibile in fondo all’articolo), entrato in tutte le case grazie al remix degli Ofenbach. Protagonista di uno stile che si potrebbe collocare in un immaginario 1963 ricostruito con il Lego da Booker T. & the MG e Henry…

Scopri di più

La band nipponica Bloodest Saxophone, grazie al produttore texano Eddie Stout, colonna della Antone’s Records e fondatore della già leggendaria etichetta Dialtone, ha recentemente pubblicato “Texas Queens 5”, un album che combina il sound vintage dei suonatori venuti da lontano con le voci tonanti di cinque superstar della scena texana La popolarità dei Bloodest Saxophone, la sensazionale formazione giapponese di jump e blues-con-ritmo con più di vent’anni di servizio, si estende ben al di là del Sol Levante. Tra i suoi ammiratori si ritrova il produttore texano Eddie Stout, colonna della Antone’s Records e fondatore della già leggendaria etichetta Dialtone,…

Scopri di più

Si intitola “Confessin’ The Blues”, contiene ben quarantadue classici del blues selezionati dai Rolling Stones, e una parte del ricavato delle vendite verrà devoluto alla Blues Heaven Foundation di Willie Dixon Il titolo di questa illuminante antologia, voluta e curata dai Rolling Stones per onorare il debito contratto dal rock con l’universo del blues, pare alludere a una ammissione. Non siamo però di fronte a un “comin’ out” (lo scriviamo così in ossequio all’abitudine ad apostrofare i gerundi cara al lessico blues, patrimonio di gente come Howlin’ Wolf, Lightnin’ Hopkins o Screamin’ Jay Hawkins). L’infatuazione non è mai stata un…

Scopri di più

Nordista per nascita, formazione e attuale dimora (è nato nel Michigan, cresciuto a Milwaukee nel Wisconsin e abita in una casella postale di New York City), Scott Sharrard ha fornito un proficuo, anche se per buona parte sotterraneo, contributo alla musica popolare del Profondo Sud. È un abile chitarrista, compositore e arrangiatore con l’intuito dell’autodidatta, ma ha un solido punto di forza anche nel canto, che a intonazioni apprese da Delbert McClinton, Bobby Bland, Steve Winwood e Robert Plant aggiunge un timbro tutto personale: aspro, dolente, quasi rancoroso Il talento di Scott Sharrard, che ha sempre inseguito “il vero rock…

Scopri di più

Il Porretta Soul Festival è orgoglioso detentore del premio Keeping The Blues Alive, che il suo direttore artistico Graziano Uliani ha ricevuto nel febbraio 2017 al salone delle feste del DoubleTree Hotel a Memphis dalle mani di Art Tipaldi, decano dei giornalisti e chairman dell’iniziativa. Per l’edizione 2018, la trentunesima, ha annunciato con civetteria l’intenzione di far sfilare sul palco i candidati a ben quattordici Blues Music Awards, per non dire dell’armonicista Fabrizio Poggi che ha avuto addirittura la nomina a un Grammy nella categoria “Traditional Blues Album”, e di conferire l’annuale Sweet Soul Music Award allo stesso Tripaldi in…

Scopri di più

Archiviata la faraonica edizione numero trenta, quella del 2017, il Porretta Soul Festival ha annunciato la lista dei partecipanti che si esibiranno dal 19 al 22 luglio al Rufus Thomas Park di Alto Reno Terme (già, per quanto si continuerà in eterno a chiamarlo così, per effetto della legge regionale 19 del 23 novembre 2015 il comune di Porretta Terme non esiste più: è stato soppresso il 31 dicembre dello stesso anno) Il tema principale (ma non l’unico) della manifestazione nata nel 1988 dalla lucida incoscienza di patron Graziano Uliani, testardo fan di rhythm and blues della primissima ora, è…

Scopri di più

“The Elektra Albums” è una raccolta uscita la scorsa estate, e distribuita su etichetta Ace Records, dei due album pubblicati nel 1963 e 1964 da Judy Henske per la Elektra Records Alta quasi un metro e ottantacinque, specialista nel blues delle case di malaffare appreso dai dischi di Bessie Smith e nelle ballate anglosassoni dal sapore omicida (le famigerate murder ballads) indagate sull’“Oxford Book of English Poetry”, nel 1960 Judy Henske abbandonò il rassicurante e assonnato Midwest per piombare sulla scena intellettuale della Sunset Strip a Los Angeles. Armata di una giacca multitasche per la caccia alle anatre, di un…

Scopri di più